ORMAI È SECESSIONE

ORMAI È SECESSIONE


Ricevo e posto dagli amici di L’Altro Sud con cui da poco, attraverso la creazione di un tavolo comune, abbiamo iniziato un processo di collaborazione e avvicinamento:.

Chiamatela come volete la Secessione: leggera, dolce, palese. Di fatto, l’Italia unita e solidale non esiste più. Tutti sono uniti contro il Sud.
Da Destra a Sinistra, l’Italia padanizzata si gode soddisfatta l’abbraccio gioioso tra l’invalido ma rancoroso Bossi e l’effimero Calderoli.
Preceduta da una rabbiosa campagna di denigrazione costruita ad arte, che ha abilmente amplificato la “Questione rifiuti”, e più recentemente il caso Romeo, la “falange nordista” si accinge a scardinare definitivamente l’ultimo ma tenace baluardo della coesione nazionale.
Passa, dunque, al Senato il cosiddetto “federalismo fiscale”, vero e proprio “manifesto leghista” con il sostegno di tutte le formazioni politiche, salvo la strumentale eccezione di Casini. E, il Senatur ringrazia: “Senza la Sinistra non si faceva niente, con il federalismo eravamo ancora in Commissione…”.
Un Veltroni compiaciuto per aver “represso” l’opposizione interna, apre un confronto con la Lega e “Si mette in sintonia con il Nord dove il tema del federalismo fiscale è fortemente sentito dagli elettori”.

PDL, Lega Nord, MPA, con la connivente e sciagurata astensione dell’Italia dei Valori e di un PD sempre più versione Nord, festeggiano insieme il primo traguardo di quel processo di liberazione dall’inservibile ed impresentabile Mezzogiorno.
E Galan, Governatore berlusconiano del Veneto, ringhia velenoso contro il Sud: “Se smettessero di mandare i loro malati in Veneto, non avremmo neanche queste liste d’attesa”.
Gli indegni eredi di quei valori liberali e socialisti fraternizzano amorevolmente con gli alfieri di “Forza Etna” e di “Terroni beduini”.
Così l’Italia dei Padri fondatori della Costituzione affonda miserevolmente nella palude degli egoismi più beceri.

Poco interessa che del federalismo fiscale leghista non si conoscano i costi – che si prospettano giganteschi – e che non ci siano le coperture e le risorse necessarie. Poco interessa che il moltiplicarsi dei centri di spesa determinerà inevitabilmente un aumento consistente della pressione fiscale locale e generale. Poco interessa che il Mezzogiorno, più arretrato, sarà privato di risorse determinanti per lo sviluppo delle sue infrastrutture e per i suoi servizi essenziali, mentre le decisioni fondamentali saranno prese da ministri quasi tutti del Nord.
Ciò che conta è soddisfare gli strateghi della divisione, della discriminazione e dell’egoismo sociale.
Decine di milioni di cittadini meridionali, oggi, sono abbandonati a se stessi e spinti sempre più – come vorrebbero quelli di lassù – verso la “discarica terzomondista”.

Non esiste nessuna forza politica nazionale cui interessi realmente il futuro del Mezzogiorno. Solo inutili, ridicole ed ipocrite dichiarazioni di pochi a fini esclusivamente elettorali.
E mentre gran parte dei politici meridionali, cinici dilapidatori delle risorse gestite e veri traditori delle nostre comunità, sono travolti da scandali ed inchieste giudiziarie, il Meridione perde drammaticamente peso e dignità politica.

Il Sud, dunque, giunto a questo punto, deve prendere atto che il Patto tra gli italiani volge al termine, e che per fronteggiare un tale coacervo di poteri ostili è necessario difendersi da soli.
Bisognerà presto ritornare ad essere una comunità unita e, attraverso l’azione di un grande movimento politico meridionale, costituito da gente onesta e preparata, entrare nelle istituzioni nazionali ed europee, e battersi per gli interessi esclusivi delle nostre popolazioni.
Ora non è più il momento della riflessione e delle chiacchiere. È tempo d’agire.
Bisognerà riprenderci la gestione dei nostri destini, creando una nuova classe dirigente in grado di tutelarci e di progettare concretamente il nostro futuro.
È tempo che gli imprenditori meridionali scendano in campo e sostengano fattivamente chi difende i loro interessi e la loro dignità.

Noi de l’Altro Sud abbiamo iniziato da tempo questa battaglia, raccogliendo un consenso insperato, che dimostra la vitalità e la voglia di riscatto della nostra gente.
Dateci sempre più forza e, tutti insieme, con determinazione e lealtà, restituiremo al Sud il prestigio della sua nobile storia.

Antonio Gentile
Presidente nazionale del’Altro Sud-UDS

ORMAI È SECESSIONEultima modifica: 2009-01-25T22:14:23+01:00da tonyan1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento