“SICILIA-CATALUNYA” e NAPOLiTANIA

Un personale ringraziamento va al carissimo amico di NAPOLITANIA, Antonio Pagano, direttore della rivista Due Sicilie, stimatissimo da ogni napolitano di questo mondo.

COMUNICATO STAMPA – KOMUNIKATU STAMPA

 

PALERMO. PRESENTATA L’ASSOCIAZIONE CULTURALE “SICILIA-CATALUNYA”.

ED È GIÀ UN GRANDE EVENTO.

PRESENTI IL DEPUTATO CATALANO BERTRAN E IL LEADER PROGRESSISTA MIRÒ.

LE DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE GIANCARLO ALAGNA.

 

Continuano a pervenire apprezzamenti positivi per la neonata Associazione Culturale “Sicilia-Catalunya” e per gli orientamenti ed i programmi che sono stati ampiamente illustrati nel corso della Conferenza di presentazione, svoltasi in questi giorni a Palermo, nei locali dell’Hotel Europa. Notevole e qualificata, com’è stato giustamente osservato, la partecipazione di pubblico, di iscritti e di simpatizzanti.

I lavori, com’è noto, sono stati brillantemente diretti dal Presidente della stessa Associazione, Giancarlo Alagna, medico, che, dopo un cordiale saluto a tutti i presenti ed in particolare agli ospiti catalani, ha rimarcato la esigenza di una maggiore collaborazione e di più organici rapporti di amicizia e di solidarietà fra il Popolo Siciliano e gli altri Popoli del Mediterraneo. Rapporto fraterno,  ovviamente, con la Nazione “Catalunya”, con la quale molte sono le affinità e le analogie politiche, storiche, economiche e culturali. «A questo fine gli scambi culturali hanno un ruolo trainante».

Ha affermato Alagna che ha ricordato come il programma operativo più immediato privilegi i rapporti anche con le Isole–nazioni, “sorelle” della Sicilia, quali sono, appunto, la Sardegna e la Corsica. Si auspica al più presto una corsia per la Napoletania.

«Le nostre proposte e le nostre scelte non vogliono essere ostili a nessuno e vogliono essere anzi esse stesse promotrici di spirito di collaborazione e di amicizia. Ma non vi sono dubbi che, – di fatto, – le nostre prospettive servano pure a “contro-bilanciare” e forse a contrastare civilmente e pacificamente, le offensive e le discriminazioni di alcuni gruppi di potere politici e finanziari “continentali” del nord e la loro arroganza.»

Ha dichiarato Alagna con un pizzico di ironia.

In sintonia con quanto avevano detto gli oratori precedenti, sono stati la relazione ed i vari interventi effettuati da Giuseppe Scianò, nella sua qualità di Coordinatore della Consulta di Studi e Ricerche della stessa Associazione. L’oratore ha infatti illustrato alcuni punti programmatici particolarmente qualificanti e le finalità generali dell’Associazione stessa, che, – per dirlo in poche parole, – rilancia la “centralità” della Sicilia nella “centralità” intercontinentale del Mediterraneo, come “luogo” naturale di incontro fra Popoli, Civiltà e Continenti diversi.

«In questo ambito di larghi orizzonti si muoveranno la difesa e la riaffermazione dei diritti fondamentali dal Popolo Siciliano, della Nazione Siciliana» «Non a caso lanciamo – anzi rilanciamo – da questa sede, un appello per la tutela e la diffusione della lingua e della cultura Siciliane, sempre minacciate e/o discriminate. Nonché per la riaffermazione del diritto alla verità e del diritto al recupero della memoria storica». «Ricordiamo a noi stessi che i valori e gli ideali, che hanno animato e che animano il Sicilianismo forte e puro, sono gli steessi che hanno caratterizzato e caratterizzano la civiltà e la cultura dell’Europa più autentica e più moderna. Nella quale i Popoli e le Nazionalità “senza stato”, devono avere il ruolo, le attenzioni ed i riconoscimenti che meritano.»

Ha ancora detto Scianò, che ha poi sottolineato come la partecipazione e la presenza di ospiti illustri come Jordi Mirò, Uriel Bertran, Antonio Pagano, Bartolo Sammartino e di altri intellettuali di grande spessore siano un chiaro riconoscimento della validità del “sodalizio” culturale che oggi viene presentato e che è stato promosso soprattutto da Giancarlo Alagna, che ringraziamo.

Ed è nello stesso tempo un’ attestazione dell’impegno enorme a favore della collaborazione e della solidarietà “diretta” fra i Popoli del Mediterraneo e dell’Europa.

***

Un grande applauso e la simpatia del pubblico sono stati rivolti al Deputato del Parlamento Catalano, Uriel Bertran, che ha svolto una interessante relazione nel corso della quale sono stati ricordati gli avvenimenti più importanti della storia della Catalogna e della sua lotta per l’Indipendenza. Non sono mancati i riferimenti al presente ed al futuro della Nazione Catalogna. Applaudito anche Jordi Mirò, che è stato recentemente nominato “Presidente Onorario” dell’Associazione stessa. E che ha assicurato la “massima” attenzione ed il “trasferimento” della propria esperienza alla neonata associazione siculo-catalana.

Di alto livello anche gli interventi dell’On. Bartolo Sammartino, Presidente dell’Accademia Nazionale della Politica, e del Generale Antonio Pagano, Direttore del periodico meridionalista Due Sicilie. Molto interessato allo svolgimento dei lavori e al successivo dibattito si è dimostrato lo “storico” dirigente sindacale Pino Lo Bello.

Impossibile citare tutti gli interventi, alcuni dei quali saranno oggetto di apposite pubblicazioni. Certamente acute e ricche di apporti culturali sono state le relazioni peraltro già annunciate, dello scrittore e pubblicista Ignazio Coppola; della dottoressa in Scienze Economiche Irene Ristretta; dell’Esperta in Ingegneria ambientale, Agostina Porcaro; del Dottore in Giurisprudenza Fulvio Alagna e dell’Architetto Delia Rini.

Hanno poi preso la parola per illustrare i rispettivi, specifici, punti di vista: Salvatore Morana, Salvatore Lo Casto, Lorenzo Mercurio, Gian Luca Castriciano e Roberto La Rosa. Fuoco di fila di domande del pubblico al giovane deputato catalano, Bertran, che ha risposto esaurientemente a tutti gli interlocutori e a tutte le “interrogazioni”. Va detto che ciò è stato possibile grazie alla collaborazione preziosa di Gian Luca Castriciano che ha gentilmente fatto da interprete con grande perizia. Ricco di argomenti ed informazioni inedite l’intervento di Rino Baeli, editore messinese ed intellettuale sicilianista di rispetto.

***

Il Dr. Alagna ha – subito dopo – dato sinteticamente lettura della relazione e del messaggio di buon lavoro e di disponibilità a collaborare, inviatogli dal Prof. Corrado Mirto, che si trovava fuori Palermo per impegni di carattere culturale, assunti in precedenza ed improcastinabili.

A chiusura dei lavori e nei successivi incontri con i giornalisti presenti, Giancarlo Alagna ha evidenziato lo spirito europeistico e mediterraneistico che ispirerà l’attività e le iniziative dell’Associazione stessa, che si pone, – ha precisato, – anche gli obiettivi della migliore qualità della vita, della difesa dell’ambiente e dello sviluppo economico “eco e bio compatibile”, senza mai trascurare l’obiettivo, che è culturale, sociale e politico nello stesso tempo, di stimolare la creazione e l’offerta concreta di occasioni e di opportunità di lavoro ai nostri giovani  che oggi sono costretti ad emigrare dalla Sicilia ancorquando in possesso di titoli e di qualifiche professionali eccellenti in ogni settore.

È doveroso ricordare che lo svolgimento di questa “Conferenza Convegno” si è articolato e sviluppato anche al di fuori degli interventi ai microfoni. Ed ha visto, quindi, sia i Relatori Ufficiali sia alcuni Attivisti della neonata Associazione (Giovanni Basile, Angelo Severino, Giuseppe Sorrentino, Rosalia D’Antoini, Sami Pishva, Leonardo D’Angelo ed altri, dei quali non siamo in grado di citare nomi e cognomi) cimentarsi in altrettanto interessanti discussioni ed approfondimenti con il pubblico presente in sala e nella Hall.

In questo contesto vivace ed attento, è stata utilissima e molto gradita la “dispensa storica” del Prof. Corrado Mirto dal titolo «1282. Inizio dell’Alleanza e dell’amicizia fra la Sicilia e la Catalunya».

 

Palermo, 2 marzo 2009          L’addetto alla Comunicazione e alle PR.

 

***

Associazione Culturale “Sicilia Catalunya”

Via Brunetto Latini, 26

90141 Palermo

Tel. 091329456

“SICILIA-CATALUNYA” e NAPOLiTANIAultima modifica: 2009-03-04T15:28:00+01:00da tonyan1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento