‘O Natale napulitano

presepe.jpg‘O Natale napulitano è assaje cumplicato e pare ca nun fernesce maje. Pe’ napulitano, nun voglio dicere sulo ‘e Napule, ma ‘e tutta ‘a Napulitania. P’ ‘o fa riuscì buono, a Natale s’adda fa ‘o Presepio, nce vonno ‘e zampugnare, s’adda magnà comme cumanne ‘o Signore e s’adda jucà a tommola.

A Natale è festa tutte ‘e juorne pe’ ddoje semmane, nfino â befana.

 Già ‘a paricchi juorne primme, ‘a famiglia napulitana se mette all’opera pe’ fa ‘o Presepio e s’accummence a tirà fora chillo ‘e l’anno passato e a nce cagnà coccose. A chistu punto s’addiventa tutte murature e ngigniere, chi vò accuncià ‘a rariata d’ ‘o paese, chi se mette a fa ‘a ringhiera, chi se mette a allargà ‘a rotta e po’ ognuno nce mette ‘o pasturiello nuovo ca chiù nce piace. Accussì se metteno pure ‘e pasturielli chiù mpurtante comme Benito ‘o durmiglione, Ciccibacco ncopp’ ‘a votta, ‘e Re Magi, ‘o centurione, ‘e zampugnare fora ‘a rotta addò stanne San Giuseppe e ‘a Madonna, c’ ‘o ciucco e ‘o voje vicino ‘a mangiatoia.

 

 ‘E megli maste presepiste se troveno dint’ ‘a via ca ha fatto ‘a storia d’ ‘a città ‘e Napule, San Gregorio Armeno, da ‘e Tribbunale a San Biagio de’ Libbraje. ‘O ngegno e l’arte ca teneno dint’ ‘e mane nun nce ne stanne ‘e simile pe’ tutto ‘o munno.

 

‘A sera d’ ‘a Vigilia ‘o napulitano è priciso, a mezzanotte mette ‘o Bambeniello dint’ ‘a mangiatoia e sulo tanne è overamente fernuto.

Pure si ‘a tradizione va passanne, ‘e zampugnare nun hanna mancà, ‘sti signure ca scenneno d’Avellino pe’ sunà ‘a Nuvela cumpleteno ‘a festa.

PresepeNapoletano-Zampog.jpg ‘O Natale se vede spicialmente a tavula, ‘o cenone d’ ‘o 24 e ‘o pranzo ‘e Natale songo chiù ‘e nu rito religiuso e pe’ devuzione se magne spaghetti a vongole, baccalà, capitone, nzalata ‘e rinforzo e vruoccole ‘a munachina. ‘O juorno ‘e Natale, nvece, s’appripara ‘a menesta maretata, brodo fatto ‘e tutte manere, cappone e gallina chiù ‘e vruoccole e nzalata ‘e rinforzo. 

Sia ‘a Vigilia ca a Natale, doppo magnato e vippete s’assaggine ‘e paste natalizie, struffoli, mustacciuoli, pasta riale, susamielli e roccocò chiù tuoste ‘e na vreccia ca pe’ t’ ‘e magnà si custretto a lle spugnà dint’ ‘o liquore, ca doppo ca te ne magnate duje o tre staje già nu poco alticcio, ma chesto nun proibisce ‘e piglià nu poco d’amaro o limuncello e fernì ‘a tazzulella ‘e cafè. 

E nun è fernuto ccà. Sparicchiata ‘a tavula s’appripare ‘a tommola, accussì accummencia ‘a caccia a ‘e cartelle persunalizzate cu ‘o nomme ncoppa scritto l’anno primmo, ‘o panaro è nu poco rutto, se mette nu poco ‘e scoccio p’arrangià. Guagliù accà sta ‘a mana e accà sta ‘o culo d’ ‘o panaro, e accussì accummencia …  

 

Boni ffeste a tutte quante!

 

Antonio Iannaccone
 

‘O Natale napulitanoultima modifica: 2011-12-25T12:18:39+00:00da tonyan1
Reposta per primo quest’articolo