La lingua: lo spirito di un popolo.

Navigando in rete mi sono imbattuto in una bellissima poesia che racconta quanto sia importante avere una unità nazionale. Le frasi sono scritte in siciliano, che ho riportato così come le ho tovate, ma mi sono permesso di tradurle in napoletano e in italiano, perchè ritengo che tale espressione d’animo sia internazionale. Un grande grazie ad Ignazio Buttitta.

(versione originale: siciliano)

A nu populu mittitinc’a catina,

spugghiàtilu,

attuppatinc’a vocca,

è ancora libbero.

Levatinc’u travagghiu,

u’ passaportu,

‘a tavola unni mangia,

‘u lettu unni dormi,

è ancora ricco.

Nu populu diventa poveru e servu

quannu ‘nc’arrobbanu ‘a lengua adduttata d’i patri.

E’ persu pe’ sempri.

Diventa poveru e servu

quanno i paroli nun figghianu paroli

e si mangianu intra d’iddi.

Mi n’addugnu uora, mentre accordu ‘a chitarra

du ddialettu, ca perdi ’na corda ‘gni iornu.

 

Ignazio Buttitta

(versione napoletana) 

A nu populo mettìtece ‘a catena,

špugliàtelo,

attappàtece ‘a vocca,

è ancora libbero.

Luvàtece ‘a fatica,

‘o passapuorto,

‘a tavula addò magna,

‘o lietto addò dorme,

è ancora ricco.

Nu populo addeventa povuro e servo

quanne nce arròbbeno ‘a lengua aduttata d’ ‘e pàte.

E’ persa pe sempe.

Addeventa povuro e servo,

quanno ‘e parole nun šgràvene parole

e se màgnene unu cu ll’àte.

Me n’addòno mò, pe’ tramente accuordo ‘a chitarra

d’ ‘o dialetto, ca stò perdènne ‘na corda ogni ghjuorno.

 

 

 

(versione italiana)

Ad un popolo mettetegli la catena,

spogliatelo,

tappateci la bocca,

è ancora libero.

Toglietegli il lavoro,

il passaporto,

la tavola dove mangia,

il letto dove dorme,

è ancora ricco.

Un popolo diventa povero e servo,

quando gli rubano la lingua adottata dai padri.

E’ persa per sempre.

Diventa povero e servo,

quando le parole non producono parole,

e si mangiano una con l’altra.

Me ne accorgo ora, mentre accordo la chitarra

del dialetto, che sto perdendo una corda ogni giorno.

                                                                                                           

La lingua: lo spirito di un popolo.ultima modifica: 2009-07-14T22:44:00+02:00da tonyan1
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “La lingua: lo spirito di un popolo.

Lascia un commento