Muvimento Napulitano

Stampa questo articolo

Traduzione in italiano

Muvimento nnipennentista

n a p u l i t a n o

Dint’ ‘a ll’urdeme tièmpe, ‘a còcch’ anno a chesta parte, nce stà nu scetamiènto d’ ‘a cunuscènza d’ ‘o SUD, ‘e chello ca è stato primm’ ‘e mò ê primme ca se faceva l’Italia, facènne nascere paricchi partìte pulitice e assuciaziune ca fanno nu bellu servizjo pe’ fa cunoscere ‘a verità ncuòll’ ‘a naziòna nòsta, listamente ô tièmpo d’ ‘o Regno d’ ‘e Ddòje Sicilie, nu stato libbero e nnipennènte.

Chistu stato pigliàva tutt’ ‘o SUD e ‘a Sicilia e, comme tutte ll’àti state ‘e chilli tièmpe, teneve ‘e guàje suòje, ma stève chiù annànz’ ‘e tutte quante ‘e tutte manère: putènza marenàra, ‘e cantière meccàneche, ô ssuciàle, ô cculturale e fernètte tutto còse c’ accupaziòne carògna d’ ‘e Savoja.

Vulènne mò arrunnà tutti chilli ca se dànn’ ‘a fà p’ ‘o SUD int’ ‘a nu muvimènto sulamènte, è ‘na cosa bòna, ànze, s’àdda fà pe’ forza; ma si se pènza ‘e rifà ‘n àta vòta chillu Regno, ‘o fatto è assaje mpussìbbele, è chiù ghiùsto a penzà a nu stato federale d’ògge, pecchè a chilli tièmpe nce stève unu Rre e dùje pòpule naziunàle: ‘o Siciliano e ‘o Napulitano ca stève ncòpp’ ‘a pàrte cuntinentàle.

Dòppo nu seculo e mièzo ‘a Naziòna Siciliana stà sèmpe llà e tène ‘o muvimènto suòje, ma, e cchèste l’avimma dìcere, ‘a Naziòna  Napulitàna c’ acchiàppa ‘a part’ ‘e vàscio d’ ‘o gambale taliàno, ògge nu’ nce stà o fòrze sì, ma nu’ nce stà ‘a fòrza ‘e nu Muvimènto Napulitàno comm’ avèssa essere, ca cumbàtte p’ ‘a nnipennènza d’ ‘o SUD.

Comm’ àmme visto ‘e vvòte passàte, nce vò ‘a nnipennènza pecchè nce špètta, pe’ cchèsto se fa ‘o MUVIMENTO NNIPENNENTISTA NAPULITANO , e nun se vò mèttere ô puòsto ‘e nisciùn’ àto ca stà già facènno nu bellu servìzio pe’ tutt’ ‘o SUD, ma vò essere jùsto p’ ‘a Causa Napulitàna, vò fà scetà dint’ ‘o còre d’ ‘a gènte ‘o fatto c’ appartènene a unu populo: ‘o NAPULITANO.

Nun avìmma essere viulènte, ne vulìmme essere puliticànte, vulìmme arrunnà tutte chilli ca se sènteno napulitàno, špècie ‘e guàgliùne si no nun esìste nisciùno muvimènto. Ogge è assàje šcùro a essere napulitàno, ma chi tène ‘na šperànza, vò dì cere ca tène nu còre mpiètto, nu còre napulitàno.

Vulìmme assapè ca si se perde ‘a ‘ttuccànza a ‘o populo napulitano, passat’ ‘a giuventù ‘e ògge, fernèsce tutte còse e po’ nce avìmma sulo stà; ma chi ‘a penza còmme nùje chelle ca vò fà ò dicèsse ccà, ca chiù sìmme e megljo parìmme.

Antonio Iannaccone

Muvimento Napulitanoultima modifica: 2008-07-10T12:30:00+02:00da tonyan1
Reposta per primo quest’articolo

9 pensieri su “Muvimento Napulitano

  1. Antò, complimenti per il blog,ben strutturato ed organizzato, per non parlare della musica di sottofondo, rilassante e malinconica, soprattutto per gente come noi, lontani dalla propria terra.
    Però ciò che interessa di più resta ovviamente il contenuto del blog, che esprime tutto l’amore per le proprie orgini e per la propria cultura.
    come tu già sai, io sono maggiormente interessato alla stroria antica del mio territorio che a quella recente, ma alla fine la linea che ci divide è sottile, quasi impercepibile, perchè siamo uniti da un unico comune multiplo, rappresentto da quel sud dove siamo nati e che ci ha visto crescere, quel sud che ci ha nutrito e che ci è entrato nel sangue, quel sud tanto idilliaco da essere stato semprre oggetto di conquista, quel sud travagliato sofferente, ma che ha trovato sempre e comunque la forza per rialzarsi e affrontare il futuro.
    caro antonio, il mio augurio è che noi meridionali possiamo ritrovare l’orgolio e la forza dei nostri avi per poter affrontare l’avvenire nel modo che ci ha sempre contraddistinti, con passione e ironia.
    persone come te con le loro iniziative risvegliano questo senso di appartenenza e ti fanno sentire meno solo in una terra “straniera”, pertanto grazie e arrivederci sul blog

  2. complimenti x il tuo blog e stupendo fai bene a mettere in evidenza questi commenti , noi napolitani siamo un popolo stupendo e che ci invidiano , noi meridionali siamo di cuore e caloroso , ciao alla prossima continua sempre cosi orgoglio napoletano

  3. Visto nel contesto si sta mettendo in evidenza sia la nazione siciliana che quella napolitana; premettendo che l’indipendenza sia dell’una che dell’altra sono una cosa sacrosanta e che ricostituire un Regno delle Due Sicilie è molto impropabile, si ragiona su un futuristico stato federale tra queste due nazioni. Attenzione che federale non è il federalismo fiscale che tanto si sta parlando in questi giorni, ma è una unione politica tra due stati: la Napolitania e la Sicilia.
    Per il federalismo fiscale che oggi imperversa sulla bocca di tutti, beh questo è l’ennesima rapina che si vuole fare a danno del SUD Italia da parte del nord, quindi ha ragione sig. Romano Francesco su quel che pensa del federalismo fiscale perchè è anche quello che pensiamo noi.
    Perciò caro Pasquale, hai ragione, quì si parla di stato federale e non di federalismo fiscale.

  4. La richiesta di aggregazione napoletana la vediamo molto bene e ci sentiamo parte di questo movimento napoletano perchè vogliamo essere orgogliosi di questo, e non c’è bisogno di tesserarci perchè il nostro impegno è nel cuore. Siamo un gruppo di ragazzi napoletani che seguiamo spesso questo blog e tanti altri perchè vogliamo una rivincita napoletana e non vogliamo andare a lavorare al nord dopo che abbiamo sgobbato sui libri. Ciao e teneteci svegli con nuovi post.
    p.s. il cmbiamento di look del blog dà un messaggio più chiaro di quello di prima. siete bravi.

  5. STO GIRANDO SULLA RETE DA TANTO TEMPO,HO CAPITO SOLO CHE NOI NAPOLETANI NON RIUSCIAMO A METTERE ALLA TESTA DEL POPOLO UN MASANIELLO,PERCHE’??SIAMO TOTALMENTE DIVISI, PERCHE’ NON UNIAMO TUTTE LE FORZE PER UN UNICO OBBIETTIVO?IO SONO PER L’INFORMAZIONE AL POPOLO,CON QUALSIASI SISTEMA,VEDI LE PROVOCAZIONI DELLA LEGA,CON LE LORO USCITE HANNO CREATO UN PARTITO,NOI NAPOLETANI RIUSCIAMO A LITIGARE SOLO TRA DI NOI,HO LETTO LA TUA USCITA SUL FORUM DI POLITICA,HO SCRITTO COME LA PENSO, PERO’ NON E’ GIUSTO LITIGANDO TRA DI NOI FACCIAMO IL GIOCO DI CHI CI VUOLE SEMPRE COLONIZZATI,ORA TI SALUTO,CIAO A TUTTI VIVA IL POPOLO NAPOLETANO

Lascia un commento