Sabato manifestazione identitaria a Napoli

In occasione della Marcia di sabato, eccovi una piccola intervista al signor Borrelli di Nazione Napolitana.

NAPOLITANIA: Signor Borrelli è lei l’organizzatore della Marcia Identitaria che si terrà sabato a Napoli? Come si svolgerà?

Borrelli: Sono uno degli ideatori, l’organizzazione è delegata a chiunque voglia parteciparvi, se la marcia avrà successo sarà merito del Popolo Napolitano. La marcia inizierà da piazza Dante il 12 settembre alle ore 16:00, proseguirà per piazza Carità, piazza Matteotti, via Medina, Piazza Municipio e terminerà con un breve presidio davanti alla prefettura a Largo Palazzo.

NAPOLITANIA: Ha organizzato o preso parte già ad altre iniziative del genere?

Borrelli: Si, in occasione della marcia per l’Indipendenza della Sicilia a Palermo, il 30 marzo del 2014, organizzammo una marcia per l’Indipendenza dall’italia a Napoli, l’afflusso fù modesto, circa 70 persone di cui un calabro da Londra, e tre da Cariati e Cirò, alcuni da Roma, ma il messaggio fu importante e riportato dal quotidiano Roma.

NAPOLITANIA: Quante persone pensa prenderanno parte?

Borrelli: Spero tante, ma i napoletani hanno subito troppe discriminazioni, torti ed oppressioni, sono sfiduciati, cercheremo di convincerli con manifesti nei quartieri popolari come la Sanità, Quartieri Spagnoli ecc. La nostra ambizione è attirare la gente dei vicoli, dove il tricolore è nemico, dove sono ancora vive le nostre tradizioni.

NAPOLITANIA: E’ facile convincere i napoletani?

Borrelli: I napoletani hanno dimenticato di essere un Popolo, noi con queste iniziative vogliamo inorgoglire, restituire l’Identità negata ed offuscata dallo stato centrale ad un Popolo con radici millenarie, nel passato esempio per altri Popoli sulla via evolutiva.

NAPOLITANIA: Quanto tempo è che ha costituito questo movimento e come le è venuta questa idea di staccarsi dall’italia?

Borrelli: Da circa tre anni, da quando ho capito di non essere italiano, ossia da quando ho scoperto la mia vera nazionalità che non si perde con l’occupazione di uno stato straniero. L’idea di far nascere un legittimo stato napolitano è per riattivare l’economia sul territorio della nazione napolitana, ora colonia per mercato di mano d’opera a basso costo ed alto rischio, imposizioni di prodotti di ogni genere e discarica per le industrie del nord, mai più auspicheremo ai nostri figli un futuro in terra straniera dopo aver pagato un mutuo per laurearli, nessuno più dovrà partire con il cuore in valigia e morire di tumore per un piatto di pasta…

NAPOLITANIA: Ha intenzione di fare un partito in opposizione alla Lega Nord?

Borrelli: Assolutamente no, la lega fa parte della partitocrazia italiana, noi non partecipiamo a competizioni elettorali perché non riconosciamo lo stato italiano.

NAPOLITANIA: In poche parole dica perchè un napoletano dovrebbe prendere parte alla marcia di sabato? Perché la marcia è di tutti e per tutti i napoletani, perchè la marcia non serve l’interesse di qualche organizzazione o di partiti. L’importante è fare capire che il Popolo conscio della propria forza è invincibile ed indomabile, incominciando ad inorgoglire il napoletano ridaremo lustro e splendore alla nostra capitale, così che dagli Abruzzi alle Calabrie finiranno le discriminazioni e campanilismi voluti ed alimentati dal colonizzatore. Stringendoci intorno alla vecchia capitale ritroveremo la nostra vera nazionalità e l’autodeterminazione avverrà naturalmente e spontanea.

NAPOLITANIA: Grazie e in bocca al lupo.

Logo della Marcia

Sabato manifestazione identitaria a Napoliultima modifica: 2015-09-10T16:21:57+00:00da tonyan1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento